lunedì 15 giugno 2015

Domenica 21 giugno: Laghi Palasina, Val d'Ayas (AO)

Ciao a tutti.

La nostra attività è pronta a riprendere, anche se avversata da condizioni poco amiche in questo strano momento meteo, e dopo la bella uscita dell’ultima gita in area ligure di levante ci apprestiamo a dirigerci in Val d’Aosta per la nostra classica divagazione estiva in montagna ‘vera’ !! Vi allego il dettaglio dell’escursione di domenica prossima, 21 giugno 2015, meta dell’escursione la conca dei Laghi Palasina in val d’Ayas, splendido angolo di natura quasi incontaminata costellato dal piccole perle lacustri incastonate fra verdi prati e incombenti pareti rocciose. Escursione di medio impegno per il lago Battaglia che comporta circa 700m di dislivello, un poco più impegnativa e circa 900m di dislivello per chi vorrà continuare fino al Colle Palasina.

Ciao a tutti con l’ augurio di vederci presto !!

Stefano, Alberto, Delfina, Lele, Giampaolo


Le foto della gita di Angelo sono qui
mentre quelle di Giorgio sono qui




Itinerario previsto con partenza da Novi Ligure


Rifugio Arp e Colle Palasinaz (m. 2661)


Carta sentieri e rifugi da Estoul

 

 

venerdì 29 maggio 2015

Sabato 6 giugno: grigliata del gruppo

VI RICORDO CHE IL PROSSIMO APPUNTAMENTO SARA' SABATO  6 GIUGNO PER LA ORMAI TRADIZIONALE GRIGLIATA DEL GRUPPO.
 
LA GRIGLIATA SI TERRA' ALLA PINETA DI CARROSIO ALLE ORE 20.15.   

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA ENTRO MERCOLEDI' 3 GIUGNO


PS: informo i tifosi della Iuventus che nella baita ci sono due schermi televisivi e quindi potranno seguire la partita. 

A presto, ciao ciao.
Delfina

P.S. x i vegetariani:  antipasti tutti di verdure e sulla griglia tomini e verdure


Ecco le foto della serata...

24 partecipanti (naturalmente di più rispetto alle gite)


Tutto buonissimo alla modica cifra di 10,00 (15,00 per i non iscritti)
Io ho contribuito con la focaccia alla salvia




lunedì 25 maggio 2015

Sabato 1 e domenica 2 agosto: Balma Boves, Monte Bracco e Monviso

Il termine ultimo per le prenotazioni è sabato 6 giugno, serata della grigliata del gruppo.

Borgata Museo Balma Boves a Sanfront


Il monte Bracco - La montagna di Leonardo

Escursioni in Valle Po


Programma di massima

Sabato mattina: trasferimento in auto (da Novi Ligure km 160 c.a. - 2 ore e 30 min. c.a.)

Sabato pomeriggio: Itinerario 17.07
Rocchetta (549 m) - Case Forano (657 m) - Roca d'la Casna (835 m) - Balma Boves (660 m) - Case Forano (657 m) - Rocchetta (549 m)


Domenica: Itinerario 17.03
Pian del Re (2013 m) - Lago Fiorenza (2113 m) - [Lago Chiaretto (2261 m)] - Colle dei Viso (2590 m) - Rifugio Sella (2640 m) - [Lago Grande di Viso (2590 m)]


Non è strettamente obbligatorio partecipare alle gite in programma, ognuno è libero di trascorrere la due giorni come preferisce, l'importante è compattare le auto nel modo giusto.

Ostana, borgate occitane sotto il Monviso

Valle Po






mercoledì 13 maggio 2015

lunedì 27 aprile 2015

Mare e monti

Come già annunciato, ad alcuni di Voi, quest’anno organizziamo una settimana  sportiva  denominata “Mare e Monti” che approderà nel sud Italia ed avrà come piatto forte, (ma non solo), l’escursione al  Parco Nazionale del Pollino, noto gruppo montuoso a cavallo fra la Basilicata e la Calabria i cui confini naturali sono costituiti a nord dalla Valle del Fiume Sinni e a sud dalla Piana di Castrovillari. Fra i rilievi maggiori (Serra Dolcedorme, 2.267 m; Pollino, 2.248 m; Serra delle Ciavole, 2.127 m e Serra del Prete, 2.181 m).

Il programma delle escursioni non sarà solo sulle vette del Pollino ma darà modo ai partecipanti di vedere anche altre zone caratteristiche del territorio del Parco quali la Riserva Naturale del fiume Argentino che si trova sui monti di Orsomarso, nell'alto Tirreno cosentino, nel versante più selvaggio e naturale del Parco Nazionale del Pollino ed il massico del Pellegrino che nella sua massima elevazione montuosa raggiunge 1987 metri. Da non perdere, inoltre, l’escursione alla grotta del Romito un sito risalente al Paleolitico superiore, una delle più antiche testimonianze dell'arte preistorica in Italia e fra le più importanti a livello europeo. Situata in località Nuppolara nel comune di Papasidero custodisce incisioni rupestri risalenti a 10.500 anni fa. Il programma prevede inoltre la visita ad alcuni tra i borghi caratteristici come Maierà,e Diamante.
La base di partenza delle escursioni (dove soggiorneremo) è il comune di San Nicola Arcella caratteristico paesino sul Golfo di Policastro, con il suo centro abitato situato su uno strapiombo a 110 metri sul livello del mare fra le più belle località balneari della Riviera dei Cedri. Chi lo desidera potrà alternare le escursioni in montagna con giornate di mare sulle cinque spiagge del paese che  potrà raggiungere a piedi, in auto e/o con i mezzi pubblici.
Il viaggio sarà con mezzi propri con partenza  il 4 e ritorno l’11 luglio. Ovviamente cercheremo di riempire per quanto possibile tutte le auto per ridurre al massimo le spese. 
Coloro che sono interessati dovranno comunicarlo con email e/o con sms al numero 3383116452 (Delfina) entro il  03 maggio 2015. Seguirà una riunione operativa dove sarà illustrato il programma delle escursioni e il dettaglio delle possibilità di soggiorno con relativi costi al fine di poter effettuare poi le prenotazioni.

A Presto    

Delfina

domenica 12 aprile 2015

Domenica 12 aprile: Borghetto-Sorli (AL)

23 partecipanti, giornata primaverile

Gruppo al Santuario


I sentieri della Libertà
Panorama di Albarasca, frazione di Stazzano
Al Passo della Crocetta
Panorama di Borghetto Borbera
Il Castello di Sorli
La chiesa di San Martino di Sorli
L'ultima salita
Gruppo al castello
La chiesa di Sorli
Cascina Sisola
L'ultima sosta

Villa Ferri, Borghetto Borbera

I soliti ritardatari

Qui le foto della verifica


lunedì 6 aprile 2015

Domenica 12 aprile: Borghetto - Sorli (AL)

Ritrovo: Piazza Coppi a Serravalle Scrivia ore 9,00
Ritrovo: Piazza Pinan Cichero a Vignole Borbera ore 9,15
Ritrovo e partenza presso bar ristorante Fondovalle
Piazza degli Alpini (centro fieristico DOCUP) a Borghetto di Borbera ore 9,30

Sviluppo: Borghetto B. (m.295) - Madonna Cà del Bello (m. 495) - Passo della Crocetta (m.524)
Chiesa di San Martino (m. 500) - Castello di Sorli (m. 655) e ritorno

Dislivello m. 400 c.a.
Lunghezza Km 14 c.a.
Tempo previsto 5 ore c.a. (escluso le soste)

Qui le foto della verifica

Descrizione del percorso

Dall'abitato di Borghetto, si raggiunge il semaforo e si attraversa la provinciale, proseguendo sulla stradina asfaltata in direzione del Santuario di Madonna Cà del Bello (il sentiero 204 è praticamente impraticabile) arrivati alla chiesa, si prosegue sulla destra seguendo il sentiero 200 in direzione di Albarasca. Il percorso risale il versante in un ambiente caratterizzato dalla presenza di roverella (Quercus pubescens) e orniello (Fraxinus ornus) e, dopo aver superato un tornante, transita nei pressi di un cippo che commemora un partigiano caduto durante la Resisitenza; si continua in un castagneto fino a giungere in un’area più aperta e panoramica che porta in leggera discesa al bivio della “Crocetta”. A tale incrocio bisogna imboccare la carrareccia sulla destra e proseguire in falsopiano in un piacevole ambiente tra cespugli di ginepro (Juniperus communis) e ginestra (Spartium junceum); si scende leggermente di quota e al successivo tornante si lascia la carrozzabile, proseguendo diritti e passando al di sotto di un affioramento arenaceo. Su una comoda mulattiera si percorre un tratto a mezza costa fino a giungere ad un antico casolare in pietra, chiamato Cascina del Terro e, secondo le ricostruzioni storiche, dimora dell’antica famiglia degli Acerbi nel secolo XVII.
Superato il casolare, al bivio successivo si svolta a destra ed in breve si arriva all’incrocio con la strada provinciale SP135, dove si gira a destra, e si percorre un tratto su asfalto per raggiungere il borgo medioevale di San Martino di Sorli; all’incrocio si svolta a sinistra direzione Bastita, si supera la graziosa chiesetta di San Martino e ci si addentra nel borgo, dove sono presenti numerose targhe che descrivono l’utilizzo delle diverse abitazioni nei secoli passati.
Il percorso attraversa le strette e antiche stradine e prosegue in leggera salita sul versante boscato tra castagni, roverelle e carpini neri fino ad incrociare la diramazione che in pochi minuti porta ai ruderi del Castello di Sorli, luogo che merita sicuramente una visita sia dal punto di vista storico che da quello panoramico e dove faremo sosta per il pranzo. Si riprende il percorso scendendo verso la chiesa di Sorli e, quindi la strada asfaltata fino al bivio dell'andata. Arrivati alla cascina del Terro si prosegue ancora per un centinaio di metri e si prende una traccia sulla sinistra che scende verso l'abitato di Fighetto, da qui si ritorna a Borghetto.

ANELLO BORBERA - SPINTI 1° TAPPA STAZZANO – CA’ DEL BELLO

ANELLO BORBERA - SPINTI 2° TAPPA CA DEL BELLO – MOLO BORBERA

 

 

Lunedì 6 aprile: Trekking e pranzo di Pasquetta

28 partecipanti, giornata primaverile



Calanco









Bastita e, sullo sfondo con la neve, il Giarolo e l'Ebro
Garbagna
Il Ciliegio





Sant'Agata Fossili

Val Grue e dintorni




Archivio blog